top of page
Cerca
  • Matteo Mannelli

Parquet per Terrazzi Esterni: Guida alla Scelta


parquet per terrazzo esterno a firenze

Oggi il parquet è molto apprezzato anche per la pavimentazione di ambienti esterni come i terrazzi, oltre a passerelle, bordi piscina, rivestimento pareti e piattaforme. Esistono molti tipi diversi di decking, nome tecnico del parquet per terrazzi esterni: ecco qui una guida alla sua scelta.


Parquet per Terrazzi Esterni: Materiali


Come dicevamo, oggi il parquet non è più usato solo per ambienti interni: questo è dovuto alle nuove tecniche e materiali con cui viene realizzato il decking. Infatti, per i terrazzi esterni non tutti i legni vanno bene: è fondamentale che le essenze usate per i listelli siano molto stabili, così da evitare spostamenti dovuti alle pressioni continue delle persone e all’azione degli agenti atmosferici.


I legni più adatti per i parquet per terrazzi esterni sono l’iroko, l’angelim, il teak e l’ipe; questi ultimi due sono i più costosi.


Queste essenze sono molto apprezzate per la loro durezza e resistenza all’umidità e all’acqua.


Di fatto, sono completamente da evitare i legni teneri e di conifere come l’abete e il pino. Questi ultimi, infatti, tendono molto alla distorsione e al movimento.


I legni teneri possono essere usati solo se termotrattati e con uno spessore aumentato ad almeno 35 millimetri; nonostante questi trattamenti, restano comunque essenze fragili.


Un altro tipo di parquet per terrazzi esterni molto apprezzato negli ultimi anni è il WPC, realizzato in legno composito.


Il parquet composito per terrazzi esterni è costituito da una parte naturale e una plastica, la quale è molto importante per la durezza e stabilità dei listelli.


La migliore è quella realizzata in PVC puro, materiale più resistente rispetto alla plastica riciclata fatta in PE o HDPE.


È bene fare attenzione anche alla parte naturale del parquet composito per terrazzi esterni: infatti, spesso questa parte è realizzata in “farina di legno”, ovvero segatura, la quale ha pochissima resistenza all’umidità. Piuttosto, scegliete il parquet con la parte naturale fatta in lolla, ossia la buccia del chicco di riso, oppure in bamboo.


Parquet per Terrazzi Esterni: Manutenzione


A lungo si è evitato di usare il parquet per la pavimentazione di terrazzi esterni perché si aveva paura di avere molte difficoltà con la sua manutenzione.


Oggi, come dicevamo, grazie ai nuovi materiali e tecniche usate per la realizzazione del parquet, con un po’ di cura e la giusta scelta del legno si riesce a mantenere a lungo nel tempo anche il parquet usato per ambienti esterni.


Infatti, se non si vuole avere problemi di cura e manutenzione, uno dei parquet più apprezzati per terrazzi esterni è quello in bamboo: soprannominato “acciaio naturale”, il bamboo ha un’alta resistenza sia ai graffi e agli urti che all’acqua e all’umidità.


Inoltre, è molto amato anche per le sue colorazioni scure che fanno dei bei contrasti con il resto dell’ambiente. Un altro legno molto usato per i parquet per terrazzi esterni è lolla, che oltre alla nota durezza, è anche idrorepellente e antiscivolo.


Ma se ci dovessero essere problemi di stabilità con il parquet, oggi la sua manutenzione è facilitata dalle tecniche di installazione del decking: infatti, senza aver bisogno di rivolgersi ogni volta a una ditta esterna, è possibile smontare e rimontare senza problemi i listelli del parquet, così da poter verificare e nel caso risolvere eventuali problemi di stabilità del legno.


Ad esempio, grazie a questo metodo è molto rapida la sostituzione di listelli rovinati.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page