top of page
Cerca
  • Matteo Mannelli

Parquet e allergie, quale pavimento scegliere?


parquet e allergie

Il parquet è come sempre uno dei pavimenti più apprezzati ed amati da tutti. Il motivo principale è sicuramente la sua bellezza unica che rende eleganti e raffinati tutti gli ambienti della casa; bellezza unica anche perché il parquet ha l’incredibile pregio di sprigionare calore e senso di accoglienza in ogni stanza.


Oltre a questo, il parquet ha tante altre caratteristiche che lo rendono il pavimento ideale: un motivo, talvolta sottovalutato ma sempre più importante, è che il parquet è ampiamente consigliato per chi soffre di allergie. Vediamo qui perché.


Parquet e allergie, quale scegliere


Chi soffre di allergie, in particolare ad acari e polvere, deve stare molto attento all’ambiente domestico: la casa, infatti, è il luogo in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo e per questo è fondamentale che sia un luogo sicuro e accogliente.


Quindi chi soffre di allergie deve evitare di tenere in casa mobili o altri elementi che possono essere ricettori continui di polvere ed acari, altrimenti non farà altro che stare male.


In questi casi bisogna fare molta attenzione al pavimento da scegliere: sul mercato ci sono pavimenti che sono veramente dannosi per chi soffre di allergie.


L’esempio per eccellenza è la moquette: un tipo di pavimento in tessuto che raccoglie e trattiene tantissima polvere, polline ed acari e che, oltre a questo, è anche difficile e lungo da pulire.


A differenza della moquette e altre tipologie di pavimento con problemi simili, il parquet è una delle migliori opzioni per chi soffre di allergia.


Questo è dato due motivi fondamentali: primo, il parquet è composto da massicce fibre di legno le quali non assorbono né trattengono polvere, polline, acari o altre sostanze di questo tipo; secondo, il parquet è un pavimento facile e veloce da pulire, cosa che vi permetterà di togliere rapidamente e senza troppi sforzi la polvere e altro sporco che si può presentare sulla sua superficie.


Se, invece, si ha dei problemi di allergie con i prodotti chimici delle rifiniture del parquet, allora il problema si può risolvere applicando al parquet un trattamento specifico con una vernice a basso contenuto di composti organici volatili (VOC) o con un sigillante non tossico. Grazie a questi accorgimenti viene ridotto in modo sostanziale il rischio di allergie.


Parquet e allergie: altri pavimenti


Dunque il parquet è un pavimento consigliato per chi ha allergie contro il polline, la polvere e gli acari. Altro caso è quello di chi soffre di allergie al legno ed altri elementi che sono componenti del parquet. In questa situazione non si può far altro che scegliere un altro pavimento. Vediamo qui quali.


Per chi non può installare il parquet a casa propria per colpa di allergie specifiche, allora ci sono altri di pavimento che potrebbero andare bene come, ad esempio, il pavimento in ceramica. Anche qui si tratta di un materiale che non trattiene polvere, acari o polline, con una superficie facile e veloce da pulire, oltre ad essere molto durevole vista la solidità e robustezza delle piastrelle in ceramica.


Altri due tipi di pavimento consigliati per chi soffre di allergie sono quello in vinile e quello in linoleum. Entrambi questi due materiali, infatti, sono molto facili e veloci da pulire e non trattengono o assorbono sostanze allergene.


Per evitare rischi e problemi, è altamente consigliato consultare un medico o un esperto per fare accertamenti sulle proprie allergie.






3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page